Bitcoin Maker Miner Maker Canaan’s Stock Hits Record di Stock Record 1 mese dopo la metà

Le azioni di Canaan Creative, uno dei pochi produttori di crypto miner minerario quotato in borsa, sono scese sotto i 2 dollari, il loro minimo dopo essere state quotate in borsa a novembre.

Le azioni quotate al Nasdaq sono in costante calo dal dimezzamento del Bitcoin Revolution dell’11 maggio, secondo i dati di Yahoo Finance. Ha chiuso a 1,98 dollari alla fine della sessione di trading di lunedì, in calo del 3,9%.

Il produttore cinese di crypto

Il produttore cinese di crypto minerario sta cercando di fare un ritorno dopo che il dimezzamento della domanda smorzata per le sue macchine e le interruzioni logistiche causate dal coronavirus hanno danneggiato le vendite del primo trimestre.

La domanda di macchine per l’estrazione mineraria criptica da parte di alcuni minatori cinesi potrebbe aver cominciato ad ammorbidirsi qualche mese prima del dimezzamento a maggio, ha detto Aries Wang, co-fondatore della Bibox, ha dichiarato.

Già nel luglio scorso, „alcuni dei primi minatori cinesi hanno iniziato a raccogliere fondi da investitori istituzionali e ad acquistare nuovi modelli e ad eliminare gradualmente le vecchie macchine in modo da essere preparati al dimezzamento“, ha detto Wang, la cui società ha investito in attività di crypto mining. „Molti avevano già completato l’aggiornamento sulle infrastrutture, come i siti minerari e i minatori, prima della fine di febbraio“.

Canaan ha cercato di stimolare le vendite all’inizio di quest’anno tagliando i prezzi a metà, rispetto ai prezzi medi del 2019. Tuttavia, secondo l’ultimo rapporto trimestrale, ha comunque subito una perdita netta di 5,6 milioni di dollari per il periodo.

Anche le vendite del primo

Anche le vendite del primo trimestre hanno risentito dell’epidemia di coronavirus in Cina, secondo il rapporto. La logistica nella Cina continentale si era fermata intorno al nuovo anno cinese il 10 febbraio. Nangeng Zhang, CEO e presidente di Canaan, Nangeng Zhang, CEO e presidente di Canaan, ha dichiarato nella sua call per i guadagni del primo trimestre, che l’azienda non è riuscita a consegnare le macchine ai clienti nemmeno quando la domanda è aumentata a causa di un rally dei prezzi in bitcoin.

L’azienda ha goduto di un rimbalzo in aprile dopo che la Cina ha dichiarato di aver contenuto la diffusione del coronavirus e i problemi logistici si sono attenuati. Le azioni hanno raggiunto i 5,99 dollari per azione il 13 maggio, due giorni dopo il dimezzamento, e da allora sono crollate.

Il dimezzamento, un evento preprogrammato che dimezza le entrate minerarie ogni quattro anni, in precedenza era stato considerato rialzista per i minatori.

L’offerta pubblica d’acquisto iniziale (IPO) del 20 novembre del produttore cinese di crypto miner minerario ha valutato le azioni a 9 dollari per azione, ma un mese dopo le azioni sono scese della metà. È tornato brevemente sopra gli 8 dollari il 12 febbraio dopo un’impennata di oltre l’80% rispetto ai 4,40 dollari del giorno precedente. Il prezzo ha iniziato a scendere nuovamente quando la Cina ha lanciato le misure di quarantena del coronavirus.

La liquidità di Canaan è diminuita del 48% nel primo trimestre, da 71 milioni di dollari alla fine dello scorso anno. L’azienda ha dichiarato che il calo è in parte dovuto a 24,5 milioni di dollari di investimenti a breve termine, compresa la sua partnership con la Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC), uno dei maggiori produttori di chip per computer della Cina continentale.

Comments are closed.

Post Navigation